Le promesse del 2018

Nel 2017 San Donato ha ascoltato grandi proclami elettoraliverde attrezzato nel Pratone, nuovo look per Certosa, presto un grande centro sportivo al Parco Mattei. Risultatolavori abbandonati o non terminati, bar del Parco chiuso. In Italia per il 2018 assistiamo alle solite promesse: meno tasse, più lavoro, soldi a pioggia per poveri, pensionati, mamme e cani. Peccato che i risultati delle politiche economiche del PD abbiano prodotto solo un incremento della povertà (ISTAT) ed un vistoso calo della soddisfazione nella popolazione (Pew Research Center).

Il M5S, a San Donato ed in Italia, vuole migliorare le condizioni di vita delle persone, dall’aria che respiriamo alla salute pubblica ed alle scuole, dedicando più risorse. Ad esempio, per rimuovere i materiali nocivi e l’asbesto presenti in Via Di Vittorio, cosa si aspetta? Che i cittadini si ammalino di tumore? Sindaco Checchi, la salute dei cittadini è una Sua responsabilità, faccia loro un regalo: crei un piano per gestire meglio il traffico, riducendolo efficacemente e sia solerte nel migliorare le strutture scolastiche. Se non riesce, chieda aiuto, noi ci siamo e siamo capaci.

Il Comune di Sedriano, amministrato dal M5S, riceverà in premio quasi un milione di euro dal Ministero per essere riuscito ad adempiere alle scadenze fissate dal decreto sul Fondo di solidarietà comunale 2016. Invitiamo la cittadinanza a riflettere sull’oggi e sul prossimo domani. Le nostre priorità sono: Salute, Educazione, Innovazione, tecnologica sostenibile, con cospicui investimenti per creare occupazione qualificata e duratura.

Con l’augurio di un buon Anno, continueremo a vigilare affinché almeno qualche promessa si tramuti in realtà.