Orti avvelenati: un vergognoso silenzio del Comune

Iniziamo dalla buona notizia: finalmente qualcuno si è deciso ad effettuare delle analisi a campione sui terreni degli orti urbani ex Eni lungo il fiume Lambro. Sapete grazie a chi? Agli attivisti e portavoce del M5S di San Donato Milanese.

Da anni il M5S chiede di verificare la qualità dei terreni, dopo una richiesta di accesso agli atti per sapere cosa era stato fatto dal Comune per analizzare tali terreni (niente), dopo che abbiamo presentato una mozione in Consiglio chiedendo all’amministrazione di fare le analisi (mozione non posta in votazione per ben 2 consigli comunali)  accade inaspettatamente e con incredibile tempismo, che il gestore degli orti, il Polo Sociale ENI, si decide a far analizzare i terreni ed informare il Comune. Dei risultati delle analisi viene quindi informata anche l’autorità sanitaria regionale competente per territorio che diffida «in via precauzionale al consumo degli alimenti coltivati negli orti urbani».

Noi siamo favorevoli al consumo a km zero e alla pratica virtuosa degli orti urbani, ma siamo principalmente  favorevoli che tali iniziative siano fatte senza porre a rischio la salute dei cittadini. Pretendiamo un’amministrazione attenta, che si occupi costantemente della salute  e non solo quando sono i consiglieri del M5S a costringerla a farlo. Certo, adesso Sindaco e Giunta vogliono fare più analisi, ma come dare tranquillità a tutte le persone che hanno mangiato negli anni scorsi i prodotti di quei terreni? O che li hanno coltivati e continuano a farlo ? Il loro comunicato è chiaro: nonostante le analisi abbiano rilevato contenuti di zinco ben al di sopra delle soglie di sicurezza, l’amministrazione ancora una volta evita, di prendere iniziativa dicendo che gli orti sono “sotto osservazione” e limitandosi a riportare come consiglio la diffida a consumare tali prodotti dell’Agenzia di Tutela  della Salute.

Questo comportamento denota una trascuratezza ben peggiore di quella con cui è stata affrontata la situazione della Campagnetta di Via Di Vittorio, area ancora privata a differenza degli orti urbani sul fiume Lambro passati in capo al Comune fin dal 2002.

L’ex-consigliere Giampieri, M5S, che durante il suo mandato aveva più volte sollecitato un’azione da parte della giunta ha osservato:

“Sono anni che questo problema è stato sottoposto all’attenzione dell’amministrazione, solo dei “folli” possono occuparsi di regolamentare l’uso degli orti urbani sorvolando bellamente sull’etica che vorrebbe prioritaria la verifica puntuale della salubrità dei prodotti che da quegli orti provengono. Parliamo dell’azzeramento del buon senso comune a vantaggio di una miopia politica deprecabile e sottaciuta da parte del Sindaco e della Giunta tutta. Anche il meno assennato dei passanti avrebbe dei dubbi sui prodotti coltivati e “consumati” su quel terreno che sovente si comporta come una vera golena, accogliendo le esondazioni del fiume Lambro le cui acque e sedimenti sono palesemente riconosciute come inquinate da metalli e altre sostanze tossiche.”

Sapevano e sono rimasti inoperosi per tutto questo tempo, tacendo per farsi belli durante EXPO e per non inimicarsi una parte di elettorato, ma ora che la nostra mozione sta rischiando di portare a galla la spiacevole verità, preferiscono affossarla e prendere la palla in mano, in extremis, per presentarsi alla cittadinanza come paladini della salute pubblica.

La consigliera Massafra ha dichiarato: Dopo la cattiva gestione da parte del Sindaco in merito alla chiusura del consultorio, ecco un altro grave esempio di noncuranza verso la salute dei propri concittadini, ancor più grave se si pensa che è lui il primo responsabile della salute su un territorio sotto la piena gestione del Comune“.

Questa vicenda degli orti inquinati dimostra ancora una volta come le considerazioni politiche di questa amministrazione targata PD prevalgano sempre sugli interessi dei cittadini, anche quando si tratta di reali pericoli alla salute, e quindi alla vita dei cittadini.

E’ ora di finirla con i giochetti politici, è ora di riportare i cittadini ed il bene della cittadinanza in cima alle priorità della politica!

Mozione M5S per analisi del terreno degli orti urbani

Risposta accesso agli Atti su analisi su terreni di SDM

Comunicato Stampa del Comune

Per saperne di piu’ sull’eccesso di zinco nell’alimentazione